Come può un divano imbottito resistere a pioggia, sole e sbalzi termici? Questa è una delle domande più frequenti che ci vengono poste.
La risposta è nella tecnologia interna alla seduta, frutto del connubio tra ricerca e sperimentazione, nella scoperta e nel test di materiali innovativi e resistenti.
Nel caso specifico dei divani, l’imbottitura è infatti costituita dalla gomma drenante Dryfeel®, un polietere espanso a cellula aperta che non trattiene l’acqua e asciuga rapidamente, in combinazione con il Dacron®, una fibra tessile sintetica che viene anche utilizzata nell’industria dell’abbigliamento e nella fabbricazione di vele e corde. Entrambi traspiranti, non assorbono cattivi odori, sono anti muffa e antibatterici.
La struttura della seduta è invece composta da un legno originario dell’Africa tropicale occidentale: l’okumè marino. L’okumè è molto flessibile, malleabile e leggero, ma al contempo garantisce un’elevata durabilità negli anni. È un legno idrorepellente all’acqua e all’umidità e questa proprietà lo rende ideale per l’impiego in ambito marino. Per garantire sostegno alla seduta e un maggiore confort, alla struttura sono agganciate delle cinghie elastiche, create appositamente per gli arredi da esterno. L’ultima componente fondamentale degli imbottiti da outdoor è sicuramente il tessuto: rigorosamente acrilico ed idrorepellente, si asciuga l’80% più velocemente rispetto agli altri tessuti, resiste ai raggi UV ed è facile da pulire.
E tu, hai già un divano imbottito da esterno?